PINOCCHIO – Un Burattino Differente

Pinocchio

PINOCCHIO – Un Burattino Differente

Regia e Drammaturgia Giuliani Daniele
Aiuto Regia Stefano Bartolini Gianluca Anziati

Un progetto di Teatro in Salute Mentale Adulti  finanziato da Arca Cooperativa Sociale in collaborazione con Sfumature In Atto
e con il sostegno di U.S.L. 10 FIRENZE

 

 

Secondo solo alla Bibbia e al Corano, Pinocchio è il libro più letto al mondo.
In due anni di Laboratorio abbiamo portando avanti uno studio su quest’opera meravigliosa all’interno di
un progetto di teatro in Salute Mentale Adulti.
Uno studio sui luoghi, le atmosfere, i suoni, le voci e le metafore universali che questo testo conserva
tra le righe.
Uno studio su quello che resta in noi dell’eterno bambino.
Abbiamo appreso che Pinocchio ci esorta a non arrenderci alle costrizioni,
ci insegna a non soccombere alle botte della vita,
ci mostra che possiamo correre lontano dal ruolo che la società ci impone,
Pinocchio scivola via lungo un cammino di trasformazioni,
Pinocchio strappa i “fili che ci squassano”.
Daniele Giuliani

 

PINOCCHIO- un Burattino differente

Regia e Drammaturgia Daniele Giuliani
Aiuto Regia Stefano Bartolini Gianluca Anziati
Costumi Daniele Giuliani con il sostegno tecnico di Chiara Sabatini
Sound Design Daniele Giuliani con il supporto di Ciro Scarito
Maschere ed elementi scenografici Giuliani Daniele con la collaborazione di Gianluca Anziati
Musiche originali di Andrea Allulli
Coordinamento Tecnico Daniele Giuliani Annamaria Asmodei Anna Siani

RECENSIONI

” È nel solco di una visione inclusiva e compartecipativa, dove il momento teatrale diventa un ponte tra chi sta sul palco – e soffre di una forma di disagio psichico – e chi sta seduto in platea – ma non è detto che non abbia avuto o non avrà mai un’esperienza simile – che sabato 4 maggio è andato in scena un Pinocchio agito da 12 attori non professionisti (utenti del Servizio di cui sopra), diretti da Daniele Giuliani, che ha firmato anche costumi e maschere – sì artigianali, come ha modestamente ammesso lui stesso in scena, ma capaci di evocare con intelligenza e una punta di cattiveria (che soprattutto nella versione originale di Pinocchio, Collodi dimostrava di aver ereditato dai fratelli Grimm) il clima di una fiaba che è iniziazione alla vita ma anche ricerca di un proprio posto, originale e non riconciliato, nel mondo.”

Simona Maria Frigerio – InThe Net

Questo Pinocchio, però, è un burattino che sceglie, che vuole decidere in proprio il percorso della propria vita. Ascolta tutti ma, alla fine, nel bene e nel male, fa ciò che ritiene opportuno e ne accetta le conseguenze. Indipendente e unico – come ogni essere umano. Un burattino che rincorre i propri sogni ma si abbandona anche alle lusinghe di coloro che lo circondano con le loro illusioni. Si respira tenerezza, ma anche gioia sul palcoscenico: una compartecipazione molto sentita che arriva alla platea per uno spettacolo fortemente voluto.

Performance corale, che – grazie alla bravura ed esperienza di Giuliani – sa trarre il meglio da ogni interprete, molto applaudito dal pubblico. Una rivincita quella di questa serata, una richiesta di attenzione per le differenze che non sono più tali se convogliate in un progetto di inclusione.

Luciano Ugge – Persi in Sala

info@sfumatureinatto.org – www.sfumatureinatto.org

 

Foto di Marco Giuranna e Niccolo Sierra

Ultime notizie su questo spettacolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + tredici =

Torna in alto